Языки :: Испанский
Аудио
 

Felicidad

Felicità
   

Español
LECCIÓN VEINTIUNA
Revisión y notas
VENTUNESIMA LEZIONE
 
1. Nel corso delle ultime sei lezioni, abbiamo particolarmente insistito sullo studio dei pronomi. Queste lezioni ne danno un'idea generale, senza tuttavia completare lo studio dei pronomi in spagnolo.
Capire bene i pronomi, il loro impiego nel testo spagnolo di ogni lezione e il posto che occupano in ogni frase, è un lavoro importantissimo per la continuazione del vostro studio. Forse non è un compito facile ma certo non insormontabile.
Non c'è ragione di inquietarsi tanto più che continueremo ad usarli, a perfezionarli, e ad approfondire il vostro studio.
 
Ma torniamo ai pronomi:
2. I pronomi personali hanno forme diverse secondo la loro funzione nella frase, ossia a seconda che siano soggetti, pronomi complemento non accompagnati da una preposizione, o ancora pronomi complemento posti dopo una preposizione.
Abbiamo visto che all'infinito e all'imperativo (vedremo in seguito che il gerundio ha la stessa costruzione) il pronome complemento è obbligatoriamente legato al verbo e si mette dopo di questo come in italiano: comprarme: comperarmi; hablarte: parlarti; d
ímelo: dimmelo; déjame: lasciami.

Nella nota N° 2 della lezione 18 noi avevamo fatto notare che quando i due pronomi complemento sono alla terza persona, il complemento indiretto il o i, gli, diventa in spagnolo "se": decírselo: dirglielo; se lo he dado: gliel'ho dato.

Abbiamo previsto la tabella seguente non per uno studio di memoria ma per darvi un punto di riferimento complementare che possa risultarvi utile quando avrete un dubbio o un particolare problema riguardante i pronomi. Vi proponiamo anche un riassunto per facilitarvi il loro uso.

Questo forse vi pare troppo complesso, allora... non abbiate esitazione: lasciate stare tutto. Sentirete voi stessi la necessità di ritornare su questi argomenti. In quanto a noi, non mancheremo dì darvene l'occasione!

TABELLA GENERALE
Persone   Pronomi soggetto Pronomi complemento
non accompagnati
da preposizione
  Pronomi complemento
preceduti da preposizione
Pronomi complemento
preceduti da preposizione con
      Diretto Indiretto    
Singolare 1 yo: io me; mi me: mi mí: me conmigo: con me i
  2 tú: tu, te te: ti te; ti : te contigo: con te
  3 él: egli, lui
ella: essa, lei
usted: Lei
lo (le): gli
la; le
le: gli él: lui
ella; lei
usted; Lei
con èl: con lui
con ella: con lei
             
Plurale 1 nosotros, as: noi nos: ci nos; ci nosotros, as: noi  
  2 vosotros, as: voi os; vi os; vi vosotros, as: voi  
  3 ellos; essi, loro
ellas: esse, loro
ustedes: Loro
los (les), las: loro les: loro ellos; essi
ellas; esse
ustedes: Loro
 

Riflessivo

    se; si se; si : consigo: con sé

Riassunto
A. Pronomi soggetto e pronomi con preposizione (dipendenti da preposizione).
Questi pronomi si differenziano tra di loro solo alla prima e alla seconda persona singolare.

B. Pronomi complemento non accompagnati da preposizione.
1. Inclusione:
All'infinito, all'imperativo e al gerundio il pronome complemento si mette sempre dopo il verbo e si unisce a lui:
egli mi da: me da; darmi: darme; te lo do: te lo doy; dartelo: dartelo.

2. Ordine dei pronomi:
Quando il verbo è accompagnato da due pronomi complemento, il pronome con funzione di complemento indiretto deve essere sempre anteposto:
Te lo regalerò: Voy a regalartelo.
Compramelo: Cómpramelo.

3. Pronomi alla terza persona:
Se i due pronomi complemento sono entrambi alla terza persona
(le o les) - ricordate che il complemento indiretto deve sempre essere messo per primo - le o les diventa sistematicamente "se":
Gliela chiedo: Se la pido. Dirglielo: decírselo.

4. Forma di cortesia:
Usted e ustedes sono pronomi di terza persona, quindi devono essere sostituiti da pronomi complemento alla terza persona corrispondente come in italiano: Le chiedo questo favore: le pido este favor.

5. Due particolarità relative all'imperativo: Se la prima e la seconda persona plurale sono seguite dal pronome complemento, perdono la consonante finale -rispettivamente s e d - posta prima del pronome:
Lavemos el coche: laviamo la macchina.
Lavémonos: laviamoci.
Lavad el coche: lavate la macchina.
Lavaos: lavatevi.

Une eccezione: il verbo ir (andare) si coniuga "idos" (andatevene).

Nota
L'uso del pronome le, al posto del pronome lo, come complemento diretto (tra parentesi nel quadro) è abbastanza comune: a tale riguardo esiste una certa confusione.
La Real Academia autorizza, pur consigliando l'uso del pronome le, al posto del pronome lo, come complemento diretto quando si fa riferimento a due persone; si può quindi dire: no lo conozco oppure no le conozco: non lo conosco (al femminile è obbligatorio l'uso del pronome la: no la conozco: non la conosco).

 
3. Nel corso delle prime lezioni, per quanto riguarda i verbi, abbiamo studiato soprattutto il presente indicativo. Nella lezione 17, abbiamo introdotto l'imperfetto indicativo e riportiamo nel quadro seguente le desinenze dell'imperfetto delle tre coniugazioni regolari ar, er, e ir.

cantar comer vivir

cantaba comía vivía
cantabas comías vivías
cantaba comía vivía
cantábamos comíamos vivíamos
cantabais comíais vivíais
cantaban comían vivían

Noterete che le desinenze della seconda e terza coniugazione sono identiche. Questo semplifica lo studio, non è vero?

  5. Traduzione 4. Da scrivere in spagnolo (seconda ondata)
1 Voy a hacer la plaza. ¿Quieres que te compre algo? Vado al mercato. Vuoi che ti comperi qualche cosa?
2 ¿Quieres dejarme el periódico? Tengo mucha prisa. Vuoi lasciarmi il giornale? Ho molta fretta.
3 Me imaginaba que ibas a venir. — Te lo había dicho. Immaginavo che tu stessi per venire. - Te l'avevo detto.
4 Se lo había dicho antes de irme. Glielo avevo detto prima di andarmene.
5 Mi hijo tiene mucha fiebre. — ¿Vas a llamar al médico? Mio figlio ha molta febbre. - Vai a chiamare il medico?
6 Telefonéale para decírselo. Telefonagli per dirglielo.